Ecco i controlli che abbiamo eseguito prima di dare l’antivegetativa al Daydreamer, la barca laboratorio di TIYM

È nostra consuetudine seguire una serie di operazioni per verificare la tenuta e l’integrità di tutti gli elementi che coinvolgono l’opera viva, al fine di garantire la massima funzionalità una volta varata la barca.

Quella che segue è una vera e propria lista dei controlli che abbiamo eseguito una volta alato il Daydreamer la barca, la barca laboratorio della redazione di The International Yachting Media (Tuttobarche in Italia).

La prima operazione riguarda il controllo dell’asse motore: bisogna afferrarlo e “giocarci” per verificare il livello di usura delle guarnizioni; la stessa cosa vale per la boccola, nonché l’anello in cui passa l’asse. Qualora presentasse qualche irregolarità o evidenti segni di usura, lavorerebbe male e andrebbe quindi sostituita.

Il secondo check coincide con la verifica dell’asse del timone: in questo caso bisogna “aggrapparsi” alla pala, cercando di muoverla avanti e indietro affinché si possa valutare il “gioco” dell’installazione. Il movimento in questo caso deve essere praticamente assente. Viceversa occorre approfondire il processo di manutenzione.

Terzo controllo: pulizia dell’elichetta del LOG. In realtà è un’operazione che si effettua anche a barca immersa, ma in questo caso bisogna eseguire un lavoro di fino, una pulizia attenta e completa utilizzando uno spazzolino. È importante agire con delicatezza perché le alette sono fragili.

Il controllo successivo riguarda la verifica dell’oring, ossia le guarnizioni nere e circolari messe in dotazione ai sensori che attraversano lo scafo. Per verificarne l’integrità, si consiglia di applicare del grasso al silicone.

È fondamentale non dimenticarsi della sostituzione degli zinchi, meglio conosciuti come “anodi sacrificali”, proprio perché attirano le correnti galvaniche e si consumano con il tempo. Si tratta di un passaggio rapido, basta uno sguardo. Inutile cambiarli se sono intatti; in caso di evidenti segni di corrosione vanno sostituiti.

Una volta terminati questi controlli di routine, si può procedere con i lavori di carenaggio.